Significato della Croce

Introduzione al Significato della Croce

Il Significato della Croce, il terzo simbolo fondamentale tra le figure geometriche, è attestato fin dall’antichità più remota.

Significato della Croce - Croce di Susa - rilievo del III millennio a.C.
Significato della Croce – Croce di Susa – rilievo del III millennio a.C.

Essa stabilisce relazioni con gli altri simboli: l’intersezione delle rette coincide con il Centro; si inscrive nel Cerchio, divide in quattro segmenti; genera il Quadrato e il Triangolo quando le sue estremità sono collegate tra loro da rette.

Il significato della Croce rispetto alla Terra è quello di rappresentare gli aspetti dinamici, contrapponendosi al significato del Quadrato che rappresenta la Terra nei suoi aspetti statici.

La Croce diretta verso i Punti Cardinali è base dei simboli d’orientamento:

in primo luogo, del soggetto in rapporto a sé stesso;

quindi, del soggetto in rapporto ai punti cardinali terreni (orientamento spaziale, che si articola sull’asse Est-Ovest);

infine, del soggetto in rapporto ai punti cardinali celesti (orientamento temporale, che si articola sugli assi Sud-Nord e Basso-Alto, indicanti l’asse di rotazione del mondo).

La concordanza dei tre orientamenti pone il soggetto in consonanza con il Trascendente.

Tra le figure geometriche, la Croce ha una funzione di sintesi, di misura, di mediazione, di comunicazione.

In essa si congiungono Cielo e Terra, Tempo e Spazio.

Essa ha una potenza sia centripeta che centrifuga poiché rappresenta sia la diffusione, l’emanazione, che il raccoglimento, la ricapitolazione.

Un altro significato della Croce è quello ascensionale, legato al significato del Ponte e al significato della Scala.

Significato della Croce - Croce a sei Braccia - Epoca Paleocristiana
Significato della Croce – Croce a sei Braccia – Epoca Paleocristiana

Tra le figure geometriche la Croce è quella che interagisce di più con gli altri simboli fondamentali.

Il significato della Croce direzionale che divide in quattro parti il Cerchio, è quello di intermediario tra Cielo, Cerchio, e Terra, Quadrato.

Essa inoltre si lega al Centro, diventando simbolo della convergenza tra gli opposti e le direzioni, luogo di equilibrio.

 

 

 

Il Significato della Croce nel Cristianesimo e le sue tipologie
Significato della Croce - Croce con i Vangeli - Epoca Paleocristiana
Significato della Croce – Croce con i Vangeli – Epoca Paleocristiana

Il Cristianesimo ha rielaborato il simbolismo della Croce arricchendolo ulteriormente e facendo sì che tra le figure geometriche la Croce diventasse simbolo preminente.

Essa rappresenta il Crocefisso, il Cristo, il Verbo, la Seconda Persona della Trinità (secondo la leggenda il legno della Croce proviene dall’Albero sorto sulla tomba di Adamo).

Durante la storia del Cristianesimo, sono stati utilizzati soprattutto quattro tipi principali di Croce, ognuno dei quali enfatizza particolari significati simbolici.

 

La Croce a Tau
Significato della Croce - Croce a Tau - Mosè e il serpente di bronzo - portale della basilica di S. Zeno - Verona
Significato della Croce – Croce a Tau – Mosè e il serpente di bronzo – portale della basilica di S. Zeno – Verona

La Croce senza cima, Tau, T, simbolizzerebbe la morte vinta attraverso il sacrificio e si ricollega all’episodio biblico del serpente di bronzo posto sull’asta da Mosè (Numeri,21,6-9).

Il significato della Croce a Tau ha subito un ulteriore sviluppo nella tradizione francescana.

S. Francesco durante la sua vita secolare era legato alla comunità religiosa di S. Antonio Eremita, che si occupava dell’aiuto ai lebbrosi.

I suoi membri usavano portare appesa una Croce a Tau, simbolo di S. Antonio Abate ed Eremita, raffigurato molto spesso con un bastone a T.

Per la sua carica simbolica e spirituale, S. Francesco utilizzò questo simbolo anche per la sua comunità, che lo conserva tuttora.

Infatti il significato della Croce a Tau in questo contesto si ricollega all’ultima lettera dell’alfabeto ebraico, la T che ha il medesimo significato dell’Omega dell’alfabeto greco, ovvero il Compimento della Parola Divina, la Venuta del Cristo.

Essa inoltre è simbolo di Salvezza e di Elezione poiché dagli esegeti cristiani venne collegata:

al segno fatto sulle porte degli Ebrei la notte del passaggio dell’angelo sterminatore, prima dell’Esodo (Esodo, 12,1-28);

poi, al segno fatto sulla fronte dei salvati nella visione di Ezechiele (Ezechiele,9,4);

e quindi, al “Sigillo del Dio Vivente” che l’angelo deve imprimere sulla fronte dei salvati, descritto nell’Apocalisse (Apocalisse,7,2-3).

 

La Croce Greca e la Croce Latina
Significato della Croce - Croce Latina - Mosaico dell'abside di S. Clemente - Roma - prima metà XII sec. d.C.
Significato della Croce – Croce Latina – Mosaico dell’abside di S. Clemente – Roma – prima metà XII sec. d.C.

La Croce con la cima e un braccio traversale, che si presenta nelle forme Greca e Latina, è quella utilizzata più frequentemente nell’arte cristiana per rappresentare il Cristo crocifisso e nelle piante delle chiese.

I Quattro rami raffigurano i Quattro Elementi, le Quattro Parti del Mondo e Quattro Virtù umane: il piede, piantato nella Terra, simbolizza la Fede; il ramo superiore significa la Speranza; la larghezza è la Carità; la lunghezza, la Perseveranza.

La Croce Greca ha quattro rami eguali e si inscrive nel Quadrato, è la Croce idealizzata, rappresentante la Natura Divina del Cristo.

Invece, la Croce Latina, dividendo il ramo verticale secondo le dimensioni dell’ uomo, si inscrive nel Rettangolo, è la Croce realistica, rappresentante la Natura Umana del Cristo.

 

La Croce di Lorena o a Due Bracci
Significato della Croce - Croce di Lorena - bassorilievo
Significato della Croce – Croce di Lorena – bassorilievo

La Croce con la cima e Due Bracci trasversali viene detta di Lorena dallo stemma dei duchi di Angiò, poi divenuti di Lorena. Esso fu ispirato dalla forma di un reliquiario di un frammento della Vera Croce in loro possesso e a cui erano devoti.

Il significato della Croce di Lorena è nella rappresentazione nel braccio superiore dell’iscrizione “INRI”, ovvero il “titulus crucis”, e nell’inferiore delle braccia di Cristo.

In realtà l’origine di questa Croce è orientale e venne utilizzata nelle raffigurazioni del Cristo crocifisso soprattutto in Grecia.

 

La Croce a Tre Bracci
Significato della Croce - Croce a tre braccia
Significato della Croce – Croce a tre braccia

La Croce con la cima e Tre Bracci trasversali dal XV secolo venne utilizzata in ambito cattolico come attributo papale, assimilabile al triregno.

Essa era già utilizzata nelle icone ortodosse dove:

il primo braccio era il “titulus crucis”;

il secondo braccio simboleggiava le braccia del Cristo;

il terzo braccio, di solito inclinato, rappresentava l’appoggio dei piedi inchiodati.

 

 

 

Altre tipologie della Croce Cristiana
Significato della Croce - Pietro Perugino - Risurrezione
Significato della Croce – Pietro Perugino – Risurrezione

Oltre alle diverse tipologie della Croce di Passione, nell’arte cristiana troviamo raffigurazioni della Croce di Risurrezione, ornata di uno stendardo, tenuta dal Cristo mentre esce dal sepolcro oppure durante la discesa al Limbo.

Il primo caso è più frequente nelle opere d’arte di ispirazione cattolica.

Il secondo caso è tipico dell’iconografia della chiesa ortodossa, anche se è stato utilizzato in ambito cattolico.

Nell’ambito dell’iconografia cristiana sono da ricordare inoltre due croci legate al martirio degli apostoli Pietro e Andrea.

Significato della Croce - Maestro del Sancta sanctorum - Crocefissione di S. Pietro
Significato della Croce – Maestro del Sancta sanctorum – Crocefissione di S. Pietro

La Croce di San Pietro è rappresentata sempre rovesciata in ricordo della tradizione che raccontava come il santo per rispetto e umiltà si rifiutasse di morire come il Signore.

Significato della Croce - F.lli Limburg - Les très riches heures du duc de Berry - martirio di S. Andrea
Significato della Croce – F.lli Limburg – Les très riches heures du duc de Berry – martirio di S. Andrea

Una analoga tradizione, di cui non si hanno testimonianze precedenti al X secolo, si è mantenuta anche per la Croce di Sant’Andrea, detta anche “crux decussata” per i bracci in diagonale.

 

 

 

 

 

 

 

 

“Crux decussata” e “X” (chi): il Cristo
Significato della Croce - Croce con Crisma inscritta nel Quadrato - Epoca Paleocristiana
Significato della Croce – Croce con Crisma inscritta nel Quadrato – Epoca Paleocristiana

La “crux decussata”, con i bracci in diagonale. inoltre rappresenterebbe l’iniziale greca del Cristo.

Nei primi secoli venivano uniti al simbolo della Croce le prime lettere greche di Cristo, X (chi) e P (rho) che intersecandosi formavano una Croce a sei bracci.

Quando questa era inscritta in un Quadrato, simboleggiava la vita terrena del Cristo.

Significato della Croce - Croce con Crisma nel Cerchio - Epoca Paleocristiana
Significato della Croce – Croce con Crisma nel Cerchio – Epoca Paleocristiana

Quando era inscritta in un Cerchio, simboleggiava la divinità del Cristo e legava il suo significato a quello della Ruota mistica.

La Croce cristiana conserva il significato della Croce cosmica: essa ricapitola la Creazione, il Mondo nella sua totalità, è Centro del Mondo, Albero della Vita, Asse del Mondo.

 

 

 

 

La Croce Celtica
Significato della Croce - Croce Celtica - croce di Monasterboire - Irlanda
Significato della Croce – Croce Celtica – croce di Monasterboire – Irlanda

Aspetti del tutto peculiari ha il significato della Croce Celtica, inscritta in un cerchio con le estremità che ne fuoriescono.

Essa unisce il simbolismo della Croce con quello del Cerchio e del Centro.

La ripartizione che ne consegue richiama ai Quattro Elementi, i due assi della Croce ai Punti Cardinali, il Cerchio alla Ciclicità della Manifestazione, il Centro alla Comunicazione tra i Mondi.

Essa diventa una sintesi tra le tradizioni celtiche originarie e il cristianesimo.

 

 

La Croce Ansata o Ankh
Significato della Croce - Croce Ansata o Ankh - Rilievo Egizio
Significato della Croce – Croce Ansata o Ankh – Rilievo Egizio

Del tutto particolare è il significato della Croce Ansata o Ankh che veniva utilizzata in Egitto come simbolo di Eternità e collegata soprattutto alla dea Iside.

Essa è costituita da un Cerchio, immagine della perfetta Eternità, dal quale pende una Croce a Tau, simile a un Nodo, rappresentante la condizione della Mortalità.

Quando è raffigurata in mano agli dei o ai faraoni è emblema della vita divina, quando è in mano ai defunti essa è preghiera per l’immortalità beata.

Quando è rappresentata sulla fronte di un mortale lo identifica come un iniziato a cui è conferita la visione dell’eternità.